Cerca
  • catoniraffaele

Si avviano a conclusione le attività del sito Pilota del progetto niCE-life

La sperimentazione di un ecosistema tecnologico basato sulla tecnologia di gps tracking a supporto dei cittadini anziani affetti da forme di declino cognitivo è stata ideata nella cornice del WP T2 “The design and development of technical solutions” e successivamente implementata nel sito pilota di Treviso. La soluzione tecnologica è costituita da due elementi principali, un bracciale dotato di numerosi sensori e una piattaforma di monitoraggio in grado di rendere fruibili le informazioni ai caregiver formali ed informali. L’ecosistema tecnologico ha permesso di supportare gli anziani agendo un su due elementi principali, la sicurezza e la salute. Per quanto concerne gli elementi connessi alla sicurezza, il bracciale smart è caratterizzato dalle seguenti funzionalità:

  • Un pulsante di emergenza a disposizione dell’anziano;

  • l’individuazione della posizione del partecipante al progetto in caso di necessità;

  • il rilevamento automatico di eventuali cadute;

  • La creazione di perimetri di sicurezza, superati i quali il sistema genera automaticamente un allarme.

Per quanto riguarda la dimensione della salute, l’ecosistema tecnologico permette di valutare i seguenti elementi:

  • la qualità del sonno;

  • l’andamento del battito cardiaco;

  • L’attività fisica svolta dagli utenti.

Gli obiettivi che il team di progetto si è prefissato di raggiungere attraverso la sperimentazione sono duplici. Da un lato la sperimentazione ha l’obiettivo di verificare l’efficacia della soluzione tecnologica nel supportare i cittadini anziani affetti da patologie cognitive, indagando l’impatto sia sulla qualità della vita del cittadino anziano, ma anche sui caregiver informali. In secondo luogo, la sperimentazione ha cercato di comprendere come questa soluzione tecnologica innovativa si inserisce in un modello di cura integrato.

Dopo la fase di sviluppo del modello di intervento e la pianificazione delle attività di pilot, le varie azioni hanno avuto inizio nella prima parte del 2021. Le prime attività svolte sono state la formazione dei lavoratori coinvolti nel progetto e la ricerca di potenziali partecipanti attraverso i vari canali a disposizione di ISRAA. Sono stati coinvolti cittadini anziani in tre scenari differenti. Il primo contesto in cui è stato implementato il sistema è stato quello del Centro Specialistico per la Demenza che supporta anziani e caregiver presso il loro domicilio. Il secondo scenario di implementazione individuato è stato “Borgo Mazzini Smart Cohousing”, una serie di edifici in cui vivono degli anziani con un buon grado di autonomia, ma a rischio di sviluppare forme di declino cognitivo. Infine, il terzo scenario di implementazione è stata la residenza per anziani Casa Albergo Salce.

La sperimentazione è proseguita fino al 30 Dicembre, ma le attività connesse alla raccolta dei dati e dei feedback dei partecipanti hanno avuto inizio nell’ottobre del 2021 e sono proseguite fino a dicembre 2021. Fra aprile e dicembre, nella fase di sperimentazione vera e propria, gli anziani hanno indossato i bracciali smart, mentre il team di progetto ha supportato i caregiver informali nelle attività di monitoraggio e nella comprensione delle informazioni generate dalla piattaforma. Nella fase finale della sperimentazione, Sono stati raccolti gli stessi questionari somministrati all’inizio della stessa, ovvero il quality of life (EQ-5D-3L) ed la Zarit Burden interview, volti ad indagare l’impatto sulla qualità di vita degli anziani e su peso dell’attività di assistenza erogata dai caregiver.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti